Home » Calendario del Cibo » Fave e pecorino
Fave e pecorino

Fave e pecorino

Giornata Nazionale delle fave e pecorino

Ambasciatrice Cecilia Mazzei per il Calendario del Cibo Italiano – Italian Food Calendar

Fave e Pecorino è il binomio più rappresentativo della giornata del 1 Maggio, nel territorio di Roma e dintorni: ma in generale non c’è scampagnata di primavera che non lo riproponga, in quasi tutte le località della nostra penisola, spesso in abbinamento a salumi e pani del territorio.
A Roma, come si diceva, è tradizione festeggiare “il Maggetto” con una gita fuori porta, spesso nella zona dei Castelli, con le immancabili fave romanesche tenere e freschissime e il Pecorino, rigorosamente con la “lacrima”. Indispensabili la pagnotta casareccia e una buona bottiglia di vino rosso.
E’ probabile che questa tradizione risalga alle feste di primavera degli antichi Romani, molte delle quali culminavano in banchetti ricchi di primizie, meno impegnativi di quelli che venivano serviti nei palazzi, in un clima di condivisione, di spensieratezza e di quiete. In questo senso, fave e pecorino costituiscono davvero l’abbinamento perfetto, gustoso ma economico, che non richiede nessun preparativo in cucina.

Ma perché i nostri avi hanno scelto proprio questi due prodotti come simbolo della festa della Primavera?

In realtà, le fave nei tempi antichi non godevano di così gran fama: pur essendo un cibo trasversale a tutta l’area mediterranea, erano portatrici di superstizioni di ogni genere.Nota è l’avversione del filosofo Pitagora a questo prodotto, nata probabilmente da un’intolleranza alimentare che lo aveva indotto a vietare a tutti i discepoli il consumo di fave. A sentir lui, il bacello era il simbolo della Porta dell’Ade e nelle fave risiedevano le anime dei morti, il che costituì la ragione della loro successiva associazione con il mondo dei defunti (da cui, per esempio, le “fave dei morti”, piccoli dolci di pasta di mandorla che si consumano il 2 novembre).
Anche Platone era convinto che le fave causassero gonfiore, con gravi ripercussioni sulla tranquillità spirituale di chi era in cerca della verità: di nuovo, la “colpa” non era delle fave ma dell’usanza di mangiare anche il baccello, fibroso e legnoso e pertanto indigesto, ma tanto bastava perché l’immaginario collettivo le associasse a significati negativi. Anche la mitologia greca le considerava impure, come dimostra la loro esclusione dai doni che Cerere fece ad una città dell’Arcadia in segno beneaugurale o come si evince dal collegamento di questi legumi con la morte, per il fiore bianco con macchie nere a forma di Tau (il principio della parola Tanatos, morte), e i gambi cavi dai quali credevano che le anime dei defunti risalissero dall’aldilà.

Fave_Pecorino

È ai Romani che si deve una loro riabilitazione, grazie ad un supposto potere afrodisiaco che suggerì l’immediato accostamento con la dea Flora, protettrice nella natura che germoglia e rinasce. Per questo motivo, in occasione delle feste in onore della divinità, manciate di fave venivano gettate sulla folla, in segno di prosperità e di buon auspicio: e se poi si fossero trovati sette semi nello stesso bacello, quella sarebbe stata una stagione propizia e fortunatissima. Da qui in poi, l’associazione delle fave a questo periodo dell’anno divenne abituale, tanto che si rinnova ancora oggi nella consuetudine della gita fuori porta.
L’abbinamento con il Pecorino è consolidato nella zona di Roma, dove il formaggio è il Pecorino Romano DOP, stagionato 10 mesi. In Liguria, altra regione dove questo binomio è radicato e diffuso, si consuma il “sardo nuovo”, un Pecorino sardo fresco che si ritrova anche in Garfagnana, dove è conosciuto con il nome di “Bacellone”, dalla denominazione dialettale delle fave, qui conosciute come “bacelli”. In Abruzzo il Pecorino è quello abruzzese, in Umbria quello di Norcia, mentre in Toscana si è divisi fra chi preferisce il Pecorino di Pienza, il Pecorino di fossa o il Marzolino del Chianti. Al Sud trionfano i formaggi locali, come il Pecorino di Filiano, il Cotronese e il Pecorino ragusano.
Variano anche gli abbinamenti coi salumi (dal salame di Sant’Olcese a Genova e dintorni, al guanciale romano, passando per la prelibata Ventriciana Teramana o del Vastese) ma quello che resta immutato è il piacere puro di un’accoppiata sempre vincente, unita alle atmosfere gioiose e rilassate a cui per tradizione si accompagna.

LA RICETTA DI OGGI: Focaccia integrale fave e pecorino

 

Fonti:
http://mangiarebuono.it/le-ricette-regionali-con-le-fave-fresche-per-portare-la-primavera-in-tavola
http://www.visitlazio.com/dettaglio/-/turismo/865598/fave-e-pecorino-il-primo-maggio-perche-

I riti di Maggio e Giugno: pecorino, fave e lumache


http://www.lucianopignataro.it/a/le-fave-e-il-pecorino-secondo-federico-valicenti-due-ricette-di-pasta-il-pure-e-linsalata/11801
http://www.italiaatavola.net/articolo.aspx?id=24712
Fave, salame e pecorino
http://www.ilgiornale.it/news/i-giorni-pecorino-formaggio-romano-de-roma.html
http://ancusimorari.org/Contributi-letterari/FAVA.pdf

 

Partecipano come contributors:

Stephanie Cabibbo, Biscotti al pecorino con crema di fave

Antonella Eberlin, Fave e pecorino, tanto per iniziare

Sara Sguerri, Tartufini di Fave e Pecorino con Nocciole e Finocchiona

Stefania Pigoni, Insalata di Fave e Pecorino toscano

Nadina Serravezza, Pasta con pesto di Fave e Pecorino toscano

Eleonora Gaspari, Frittata con fave pecorino e guanciale

La Salvia di Silvia, Risotto con Fave, Aria di Pecorino e Polvere di Ciauscolo

Maria di Palma, Ciavattoni Ripieni di Fave e Piselli con Besciamella al Pecorino

Paola Sabino, Girelle di Panbrioche con Crema di Fave e Pecorino

Share this:

7 Comments

  1. lasalviadisilvia
    lasalviadisilvia1 year ago

    Buongiorno, il tema di oggi ci è piaciuto particolarmente.. quindi vorremmo partecipare anche noi con questa ricetta :)
    https://lasalviadisilvia.wordpress.com/2016/05/01/risotto-con-fave-aria-di-pecorino-e-polvere-di-ciauscolo-per-la-gn-del-calendario-del-cibo-italiano/

  2. Maria Di Palma
    Maria Di Palma1 year ago

    Buon Primo Maggio a tutti. Io ci ho provato con la pasta al forno.
    Il mio piccolo contributo a questo splendido articolo :)
    https://lacaccavella.com/2016/05/01/ciavattoni-ripieni-fave-piselli-besciamella-pecorino-stuffed-paccheri/

  3. Paola
    Paola1 year ago

    Eccomi qui con il mio contributo per la Giornata Nazionale delle fave e pecorino :)

    http://www.fairieskitchen.com/2016/05/girelle-panbrioche-fave-pecorino-giorilli.html

  4. Tamara Giorgetti
    Tamara Giorgetti1 year ago

    Hai proprio ragione Cecilia in Toscana e in particolare in Maremma il pecorino romano non si usa quasi per niente, io ho cominciato ad aprpezzarlo quando sono arrivata a Roma e non l’ho più lasciato lo amo più di ogni altro formaggio stagionato tanto da usarlo in molte delle mie preparazioni, mia mamma invece, quasi lo detestava un po’ per il suo sapore particolare un po’, secondo me, per campanilismo, lei amava il pecorino di Pienza e tutti i pecorini stagionati ma dovevano essere molto buoni e molto ben fatti, insomma trovava a tutti un difetto…e poi mi chiedo come mai sono così difficile? con una madre come la mia era impossibile venire fuori “normale”…complimenti per il tuo articolo e buon 1° maggio

  5. Stephanie Cabibbo
    Stephanie Cabibbo1 year ago

    E’ bellissimo scoprire quanta storia si porti dietro un cibo apparentemente così semplice…grazie per questo bellissimo articolo!

  6. sara (pixel)
    sara (pixel)1 year ago

    Concordo, come ogni articolo del Calendario del Cibo, si scoprono sempre storie interessanti dietro piatti o ingredienti apparentemente semplici! Cecilia, grazie per essere stata ambasciatrice di questa giornata a me tanto cara!

  7. Focaccia fave pecorino con pancetta - MammeinCucinaeDintorni
    Focaccia fave pecorino con pancetta - MammeinCucinaeDintorni1 year ago

    […] focaccia fave pecorino e pancetta è il mio contributo per  la Giornata Nazionale delle Fave e Pecorino, secondo il Calendario del Cibo Italiano di cui sono […]

Rispondi

Copyright Associazione Italiana Food Blogger 2015-2016 - Riproduzione riservata.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: