Home » contest » Buon appetito… fiorellino: domani la finale del contest a Sanremo
Buon appetito… fiorellino: domani la finale del contest a Sanremo

Buon appetito… fiorellino: domani la finale del contest a Sanremo

Questa settimana sarà decisiva per le finaliste Donatella Bartolomei, Cristiana Curri e Paola Sartori: è infatti giunto alle fasi conclusive “Buon appetito…fiorellino!”, il primo contest che vede il fiore edule protagonista delle ricette dei foodblogger.

AIFB, Tre civette sul comò, i ristoranti della tavolozza e Crea sono gli enti promotori del contest.

Partito lo scorso novembre, il contest ha scatenato la corsa ad accaparrarsi il fiore più colorato e più gustoso da infilare nelle ricette, non come semplice decorazione ma come protagonista. Le ricette arrivate da tutta Italia alla redazione del concorso sono state davvero molte e tutte fantastiche, tanto che alla fine i giudici hanno selezionate le tre che si sfideranno in finale a Villa Ormond di Sanremo il prossimo martedì 5 marzo con gli ingredienti delle Mystery Flower Box, ma hanno anche segnalato altri 10 foodblogger che riceveranno a casa una fornitura di fiori dall’azienda Carmazzi di Viareggio, più due foodblogger che saranno ospiti di un cooking show in primavera nell’ambito della manifestazione La forza della Natura.

La finale del contest “Buon appetito…fiorellino!” si svolgerà nel pomeriggio del 5 marzo: la sera stessa le finaliste saranno ospiti d’onore di una cena di gala molto glamour, andata sold-out in pochi giorni, sempre all’interno della favolosa Villa Ormond, dove sarà servito un menu a base di fiori eduli. In quella cornice verrà designata la vincitrice.

Alla prima classificata andrà la batteria EDO della Alessi composta da 7 pezzi e disegnata da Patrizia Urquiola, il bracciale Casolaro griffato #buonappetitofiorellino e un cesto di prodotti del territorio; alla seconda e la terza un oggetto Alessi e vari prodotti del territorio offerti da CNA.

Il contest si inserisce in una serie di manifestazioni organizzate dall’associazione Villa Ormond in fiore e dal Comune di Sanremo, che culmina con la sfilata dei carri fioriti del 10 marzo trasmessa in diretta su Rai 1.

Articolo di Raffaella Fenoglio

***

LE TRE FINALISTE

Donatella Bartolomei del blog L’ingrediente perduto – Fabriano

Sette anni fa ho deciso di scrivere e raccontare di cucina, così nasce “L’ingrediente perduto”. Tutta colpa di un libro: “L’ingrediente perduto” di Stefania Aphel Barbini; una storia di donne: Rosalia, Connie, Sandy e Sarah, quattro donne e la ricetta della parmigiana di melanzane.

La ricerca dell’ingrediente perduto che dà a quel piatto il suo vero significato, la ricerca delle proprie radici, della propria identità senza le quali ci si sente persi.

Questa è l’impronta che ho voluto dare al mio blog; ci sono ricette della tradizione ma non solo: spesso vado alla ricerca di quell’ingrediente “perduto” per restituire al piatto il suo vero essere per tornare a sentire quel profumo, quel sapore, che ci porta indietro nel tempo e che ci fa sentire a casa ovunque noi siamo. Da allora sono cambiate tante cose, la mia passione è diventato un lavoro, scrivo meno ma lavoro molto di più nel mondo del food, continuo a studiare per ampliare le mie conoscenze. Con uno sguardo sempre al passato, senza il quale non riesco ad immaginare il mio futuro.

1- Ci può dare un suo giudizio sul contest e la cucina dei fiori? In un mondo virtuale fatto spesso di contest sterili ho trovato questo dedicato ai fiori commestibili molto interessante soprattutto per il legame stretto con il territorio che lo ha promosso, testimoniando l’interesse a valorizzare e promuovere una realtà agricola importante. La cucina dei fiori trovo che sia stata per troppo tempo sottovalutata o relegata a semplice decorazione del piatto: non bisogna fermarsi allo splendore ma valutare anche le mille sfumature di gusto che un fiore può creare.

2- È la prima volta o usava già i fiori in cucina? Nelle mie fasi estreme di sperimentazioni spesso ho utilizzato i fiori sia freschi che essiccati, tanto da decidere di acquistare un essiccatore per potermi creare una mia raccolta personalizzata; oltretutto ho la fortuna di avere una piccola azienda agricola e di poter così riprodurre per seme sia fiori che ortaggi particolari che stuzzicano il mio interesse.

3-Le piace partecipare ai contest? Mi piace partecipare se il contest mi spinge ad andare oltre le mie abitudini, ad osare insomma.

Donatella Bartolomei – “Di fiore in fiore” biscotti alla calendula, chibouste al miele, polline e fiori eduli

***

Cristiana Curri del foodblog Le chicche di Cristiana – Roma

Ho iniziato a scrivere sul mio blog un po’ per scherzo nel 2012 grazie al suggerimento di un mio amico chef. Appuntavo le mie ricette su dei “pizzini” e le infilavo in mezzo alle pagine dei miei libri di cucina, poi sono passata a scriverle nel mio blog.

Piano piano, il blog ha preso sempre più forma e ora non si trovano solamente ricette ma anche recensioni di locali, interviste a chef oppure dei racconti su luoghi che ho visitato oppure eventi a cui ho partecipato. È diventato quasi un diario del mondo enogastronomico che anima le mie giornate. Durante questi anni sono diventata sommelier e assaggiatore di formaggi ONAF ed ho quindi allargato le mie competenze e i miei interessi.

1- Ci può dare un suo giudizio sul contest e la cucina dei fiori? Ho trovato molto divertente questo contest e mi è piaciuto approfondire la mia conoscenza sui fiori eduli anche se uso spesso i fiori nei miei piatti

2- È la prima volta o usava già i fiori in cucina? Assolutamente no! Anzi qualcuno mi ha detto che i miei piatti sembrano mazzi di fiori. Mi piacciono molto i colori, i profumi e i sapori nei piatti… e anche nei cocktails

3Le piace partecipare ai contest? Non ho uno spirito molto competitivo ma vedo i contest come momenti di confronto e di approfondimento. Mi piace conoscere persone nuove e trovo che i contest siano un momento formativo

Cristina Curri – Ravioli con garofani e viole

***

Paola Sartori del foodblog Prelibata – Vicenza

Prelibata-blog nasce nel 2015 come valore aggiunto al progetto Prelibata, un mercato on-line nato per dare voce e sostenere delle realtà artigianali spesso poco o per nulla digitali. Il mio compagno ed io, appassionati da sempre delle produzioni locali, abbiamo iniziato a immaginarla intorno al 2013-14, vedendo molti produttori in difficoltà e a rischio chiusura causa la crisi e il mondo in veloce cambiamento. Nei primi mesi del 2015, dopo qualche mese della messa on-line della piattaforma, su espressa richiesta di amici e sostenitori, è nato il blog. Prelibata è un’idea che mi frullava in testa già dai primi esordi dei blog ma che non avevo mai avuto il coraggio di fare. Il blog è il mio angolo dei racconti, quelli che già facevo a tavola durante le cene con gli amici. Mi considero un po’ una cantastorie del cibo con l’obiettivo di comunicare il rispetto, la sacralità, la storia e la cultura di ciò che mangiamo e cuciniamo, in disaccordo con l’abitudine di valutare il cibo solo per la confezione, il prezzo, la marca e la velocità di preparazione.

1- Ci può dare un suo giudizio sul contest e la cucina dei fiori? Da subito ho visto che questo contest era organizzato molto bene perché dava il giusto valore a quello che la cucina con i fiori ha rappresentato nella nostra cultura gastronomica e per la quale si intravvede un ritorno.

2- È la prima volta o usava già i fiori in cucina? Fiori eduli freschi non ne avevo mai usati, sono però appassionata di fitoterapia e amo molto usare piante ed erbe selvatiche nella mia cucina. Per me sono scelte di salute oltre che di sapore. Inoltre amo molto i colori nel piatto e quindi il tema del contest mi ha stuzzicato la voglia di approfondire l’argomento

3- Le piace partecipare ai contest? Non amo molto la cucina come spettacolo e gara. Per me la cucina è prima di tutto condivisione. Partecipo ai contest nei quali ho occasione più di imparare che di dimostrare. L’argomento del contest deve essere in linea con il mio blog, nel quale oltre alla ricetta approfondisco l’argomento .. anche dopo il contest

Paola Sartori – Fettuccine con pane di segale, noci e fiori d’inverno


RASSEGNA STAMPA

Tgcom24

Sanremo News

Sanremo News, cena di gala

Riviera Press

Share this:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright Associazione Italiana Food Blogger 2015-2018 - Riproduzione riservata | C.F.: 97774480582
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: