I grandi vini toscani

Pubblicazione: 27 Dicembre 2017

Condividi l'articolo:

Associati per pubblicare

I grandi vini rispettano sempre il territorio e lo raccontano, soprattutto quando è ricco di arte che incanta, di storia che affascina, di morbide colline che disegnano il paesaggio, di alberi che lo punteggiano e di vitigni che lo caratterizzano praticamente da sempre.
Furono gli Etruschi a diffondere la tecnica di vinificazione in Toscana, tanto che i loro vini erano apprezzati già nel 500 a.C. Nel periodo dell’Impero Romano la produzione del vino fu incrementata, dando una forte spinta economica al territorio. Nel Medioevo, invece, a causa dei numerosi disordini sociali, questa attività fu interrotta, per tornare a fiorire in seguito grazie agli ordini monastici benedettini. Da quel momento in poi la vinificazione fu in crescita costante e progressiva, tanto che oggi la Toscana è forse la regione più rappresentativa nel mondo vitivinicolo non solo italiano, ma internazionale.
I terreni sono calcareo-argillosi sulle colline del Chianti, di Montalcino, di Montepulciano e della Maremma; mentre diventano misti a sabbia sulla costa. Zone collinari e montagnose, splendide vallate e un clima particolarmente favorevole sono gli elementi fondamentali dei grandi vitigni toscani che regalano altrettanti grandi vini capaci di identificarsi con il proprio terroir.
Vitigno sugoso e pienissimo di vino… che non fallisce mai
così Gianvettorino Soderini nel 1590 descrive il vitigno forse più rappresentativo di questa terra: il Sangiovese, che ben si adatta a ogni clima e terreno diventando il protagonista indiscusso di molti grandi vini come l’elegante Brunello di Montalcino, il Nobile di Montepulciano, l’austero Chianti Classico e il potente Morellino di Scansano.
Oltre al Sangiovese, i vitigni a bacca nera che rappresentano il territorio sono il Canaiolo nero, il Mammolo e la Malvasia nera. Vitigni storici e complementari dello stesso Sangiovese, con cui viene mitigato e domato soprattutto in gioventù.
Il vitigno a bacca bianca più rappresentativo è il Trebbiano toscano che, insieme alla Malvasia lunga del Chianti, dà vita al Vin Santo Toscano, un vino che emoziona a ogni sorso, sempre unico perché interpretazione personale di ogni produttore.
Descritto da Dante nella sua Divina Commedia è il vitigno della Vernaccia di San Gimignano. Mentre la costa è ben rappresentata dal Vermentino e dall’Ansonica.
Le Dogc che rappresentano la regione sono: Brunello di Montalcino (riserva), Carmignano (anche in riserva), Chianti, Chianti Classico, Chianti classico colli fiorentini (anche in riserva) Chianti colline pisane (riserva), Chianti riserva e Chianti superiore, Chianti Montalbano (riserva), Elba Aleatico passito, Vernaccia di San Gimignan (riserva), Vino Nobile di Montepulciano (riserva), Montecucco Sangiovese, Suvereto, Morellino di Scansano (riserva), Rosso Val di Cornia.

grandi-vini-toscani-vino
Si contano oltre quaranta Doc oltre alla denominazione, tutta Toscana, nata negli anni ’80 del XX secolo: Supertuscan. I Supertuscan sono vini di altissima qualità che volutamente non rispecchiano i disciplinari per ottenere dei prodotti che coniugano la tradizione con l’innovazione. Prodotti di assoluta eccellenza come il Sassicaia o il Tignanello dei Marchesi Antinori, senza dimenticare il capostipite di questi vini: il Vigorello di San Felice che, già nel 1968, si presentava con un blend internazionale composto da Sangiovese, Cabernet Sauvignon e Merlot.
Vini che hanno fatto la storia di una regione e che sono a essa legati; vini che emozionano e che si possono scoprire percorrendo le varie strade del vino toscano, nate sia per la promozione del territorio sia del turismo rurale. Seguendo questi percorsi si possono infatti visitare cantine e conoscere le storie di famiglie e produttori legati alla propria terra; godere del paesaggio e degustare le eccellenze gastronomiche toscane.
Per attraversare le incantevoli colline lucchesi trovate qualche informazione a questa pagina.
Torri, ville cinquecentesche e pievi romaniche caratterizzano la strada del Chianti.
La Strada del vino Monteregio di Massa Marittima è in posizione centrale rispetto ad altre zone a vocazione vitivinicola
Per assaporare il Nobile di Montepulciano.
Per godere di un panorama mozzafiato e per sorseggiare la Vernaccia:
Queste sono solo alcune delle strade consigliate. Percorrendo tutto il territorio di certo il visitatore più attento si imbatterà in piccole cantine e in degustazioni che renderanno unico il suo viaggio.
Sitografia e bibliografia:
www.regione.toscana.it/-/le-strade-del-vino
Il vino in Italia, Edizioni Associazione Italiana Sommelier
Fotografie
Apertura;  seconda immagine

Autrice Patrizia Laquale del blog Maison Lizia

Lista dei tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.

Associazione Italiana Food Blogger

Studiare, degustare, cucinare, scrivere, fotografare, condividere idee e conoscenze per raccontare ciò che altri non raccontano!

Associati