Raduno 2015: intervista a Paolo Petroni

Programma Raduno 2015

Pubblicazione: 10 Novembre 2015

Condividi l'articolo:

Associati per pubblicare

Lista degli argomenti

A tre giorni dal Raduno 2015 andiamo infine a conoscere Paolo Petroni, presidente dell’Accademia Italiana della Cucina e grande esperto di marketing e comunicazione. Vi ricordiamo le altre interviste: Carlo Cambi, Alessandra Guigoni, Sergio Rossi, Pasquale Di Lena e Danilo Gasparini.
Ci vediamo a Rimini!

 

Paolo Petroni

P A O L O    P E T R O N I

Lista degli argomenti

 

Il suo curriculum in 10 righe

Paolo Petroni è nato e lavora a Firenze. Scrittore e giornalista pubblicista, si occupa professionalmente di consulenze di marketing e di ricerche di mercato. I suoi libri di cultura gastronomica, pubblicati dall’Editore Giunti, sono ormai noti ed apprezzati sia in Italia che all’estero per la chiarezza espositiva, il rigore storico, la completezza e la semplicità delle ricette che propone. Paolo Petroni è direttore della rivista “Civiltà della tavola”, coordinatore e supervisore del ricettario nazionale “La Tradizione a Tavola” dell’Accademia Italiana della Cucina e della Guida ai ristoranti dell’Accademia. E’ Presidente dell’Accademia Italiana della Cucina, fondata da Orio Vergani nel 1953.

Qual è stato il momento più significativo della sua carriera?

La decisione di andare a specializzarmi in Marketing Research presso la UCLA (University of California – Los Angeles). Un mondo a parte che mi ha schiuso poi nella vita molte porte presso le grandi Aziende italiane che di marketing ne sapevano poco. Si era agli albori, le ricerche qualitative e quantitative affascinavano, se ne facevano moltissime. Oggi, con la globalizzazione e internet il mondo della comunicazione e del commercio è totalmente cambiato: poche ricerche, molti sconti.

Qual è il suo primo ricordo legato al cibo e da dove è nata la sua passione per tutto ciò che lo riguarda?

Come per molti, la passione deriva dalla mamma che cucinava bene e come tutte le mamme aveva un quadernetto dove segnava le ricette che preferiva e dove incollava qualche ricetta pubblicata sulle riviste. Ma l’evento più importante è stato trasformare alcune di quelle ricette nel primo libro che ho scritto, cioè “Il libro della vera cucina fiorentina”, prima edizione 1975. Fu un successo inatteso, clamoroso. Ancora oggi a Firenze quel libro è il più venduto e tutte le librerie lo espongono “di piatto”, impilato. Un evento poi cambiò il mio approccio ai Ristoranti, l’uscita delle Guide all’Italia piacevole di Luigi Veronelli: una pietra miliare insuperata: grande Veronelli.

Se dovesse scegliere un argomento per parlare di cibo ai food blogger, nel 2015, quale sceglierebbe e perché?

L’ossessione dei programmi televisivi, ormai ridotti a puro spettacolo, quasi un’arena per cuochi gladiatori e il crollo di credibilità e quindi di vendite delle Guide ai Ristoranti.

La comunicazione del cibo fra passato e presente: che cosa si salva e che cosa si butta.

Si salvano tante cose, dalle pubblicazioni dei Fratelli Fabbri e di Curcio ai libri di Veronelli e Carnacina, per non parlare delle pubblicazioni del Touring Club Italiano e dell’Accademia Italiana della Cucina. Si butta poco, perché anche l’orrore gastronomico fa storia: mettiamoci dentro anche le ignobili fotocopie della Nouvelle Cuisine degli anni ’70.

Cibo da guardare, cibo da mangiare, cibo da cucinare, cibo di cui parlare: di queste quattro strade, quale imboccherebbe a colpo sicuro?

Cucinare e mangiare, sono i bisogni primari, le altre vie sono per l’uomo colto non per l’uomo affamato.

A quasi 15 anni dalla loro prima comparsa, i Food Blogger sono oggi una realtà riconosciuta e affermata, nel mondo della comunicazione: quali i suoi consigli, per poter andare avanti sulla strada della credibilità e della serietà professionale?

Non legarsi ad alcuna azienda, consorzio, carro politico. Indipendenza assoluta da ogni potere palese od occulto.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.

Associazione Italiana Food Blogger

Studiare, degustare, cucinare, scrivere, fotografare, condividere idee e conoscenze per raccontare ciò che altri non raccontano!

Associati