Home » Cibo e Cultura » Gran Tour d'Italia » Trentino-Alto Adige » Le mele del Trentino Alto-Adige
Le mele del Trentino Alto-Adige

Le mele del Trentino Alto-Adige

Articolo a cura di Monica Campaner del blog Tutti possono cucinare

Le mele del Trentino Alto- Adige sono il frutto che più rappresenta questa regione

 

Le origini e lo sviluppo di questa pianta 

Il melo è una pianta di origine asiatica arrivata in Europa passando per la Grecia, percorrendo la via della seta. All’inizio dell’Ottocento la pianta del Melo era già diffusa in Trentino Alto Adige.

La pianta del melo ergeva rigogliosa, accanto ai masi e alle case contadine a sostentamento di uomini e animali.

Le prime coltivazioni di mele destinate al commercio, si svilupparono in Trentino e in Alto Adige durante il XIX secolo.  Il cambiamento della destinazione d’uso della coltivazione delle mele fu determinato dalla coincidenze di due fattori contingenti : la realizzazione di moderni acquedotti e la crisi della viticoltura dovuta dall’attacco parassitario della fillossera, che provocò la distruzione di molte viti e la necessità di reimpianti.

L’attività di esportazione delle mele ricevette una forte spinta dalla costruzione della linea ferroviaria del Brennero nel 1867. Il trasporto divenne più semplice e le mele trentine arrivarono Oltralpe.

Fra gli anni Sessanta e Settanta del XX secolo, grazie alla modernizzazione delle tecniche di coltivazione e a un’attenta promozione commerciale, la melicoltura è diventata un’importante realtà economica in tutta la regione.

La mela e l’economia

Le mele hanno certamente un impatto economico importante; attualmente l’Italia è il quarto produttore mondiale di mele e il Trentino Alto Adige è la prima regione italiana con circa diciottomila ettari di meleti e circa ottomila famiglie impegnate nella coltivazione. Oltre l’80% dei produttori di mele aderisce a un consorzio o a una cooperativa potendo così contare su un aiuto durante tutta la stagione produttiva e su una migliore rete per la distribuzione e commercializzazione del raccolto. Cooperative e consorzi, alcuni dei quali sono diventati dei veri e propri brand conosciuti a livello mondiale, sono a loro volta un importante soggetto economico regionale.

La coltivazione delle mele del Trentino Alto Adige

Una così grande produzione di mele avviene con due metodi: la coltivazione integrata e la coltivazione biologica.

  • La coltivazione integrata è stata molto criticata in passato ed è ancora sotto osservazione perché prevede comunque alcuni trattamenti chimici e antiparassitari. Negli ultimi decenni questa metodo di coltivazione è stata regolamentata per ridurre al minimo gli interventi e incentivare altre tecniche per evitare gli attacchi parassitari. In questo senso si è cercato di favorire le naturali dinamiche ambientali con il posizionamento di nidi artificiali per l’avifauna locale, di reti contro i maggiolini, di cumuli di pietre per ospitare animali in letargo.
  • La produzione biologica,  invece non prevede alcun trattamento con pesticidi, ed è pari al 5% di tutta la produzione della regione. La produzione biologica di mele del Trentino Alto Adige  si conferma così tra i primi in Europa, anche per la qualità.

Le varietà di mele del Trentino Alto Adige

Le varietà di mele coltivate in Trentino Alto Adige sono tantissime. Fra le più conosciute ci sono le  Fuji, Gala, Golden Delicious, Granny Smith, Idared, Jonagold, Morgenduft, Red Delicious, Stayman Winesap che vengono commercializzate anche con il marchio Mela Alto Adige Igp (Südtiroler Apfel ggA), Mela Val di Non Dop, Mele del Trentino Igp.

Le proprietà  della mela

Una mela al giorno toglie il medico di torno. Non si dice così per dire!

Le mele sono il frutto consigliato per qualsiasi dieta.  Perché  sono ricche di vitamine, sali minerali e fibre. Adatte  per l’alimentazione degli  sportivi, per i bambini e per gli anziani.

Le mele contengono vitamina A e vitamina C. Una buona  mela copre circa  25% del fabbisogno giornaliero di vitamine per un adulto se mangiata con la buccia. Si dice che il 30% delle proprietà benefiche delle mele si trovi nella buccia, per questo sarebbe importante gustarle senza sbucciarle, lavandole moto bene con acqua tiepida.  Se il frutto viene essiccato la vitamina A si concentra ed è un ottimo e salutare snack spezza fame.

La mela in cucina

Adatta per essere mangiata cruda o cotta, per preparazioni dolci e salate, la mela può diventare la  regina di un intero menù.

Le mele del Trentino Alto Adige caratterizzano il dolce tipico della regione, lo strudel, che  in realtà è di origine Turca senza  mele all’interno.  Il sapore acidulo delle  mele inserite nella preparazione degli  stufati di maiale ci regala una  salsa di accompagnamento alla carne meravigliosa.

Le mele inserite  nelle insalate invernali abbinate a frutta secca e formaggi rendono unico un contorno semplice.

Ogni anno vengono pubblicati nuovi libri di ricette dedicate alle mele,  protagoniste di sempre nuovi abbinamenti e nuovi esperimenti.

Ti potrebbero anche interessare:

GRAN TOUR D’ITALIA, TRENTINO ALTO-ADIGE: UN VIAGGIO NELLA STORIA

CEREALI E PANE TIPICO DEL TRENTINO ALTO-ADIGE

MERCATINI DI NATALE E FESTE POPOLARI IN TRENTINO ALTO-ADIGE

Credits:

https://vimeo.com/119841090

http://www.giornaletrentino.it

https://www.tastetrentino.it/prodotti/frutta/mele/

http://www.lavocedelnordest.eu/in-val-di-non-la-mela-fa-festa-conadotta-un-melo-fiorinda-e-la-quattro-ville-in-fiore/

Share this:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright Associazione Italiana Food Blogger 2015-2018 - Riproduzione riservata | C.F.: 97774480582
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: